Arrugas, film animazione 2d

scena dal film animazione, Emilio e Miguel alla finestraSi deve dire a un malato la verità sulla sua sorte? C’è ancora dignità nella vita di Emilio, ex direttore di banca che finisce all’ospizio perché la famiglia non ce la fa a occuparsi dei suoi decadimenti fisici e mentali? Per Miguel il problema è diverso. Per il più lucido della compagnia, che accoglie il nuovo compagno di camera con il soprannome di Rockfeller e che mette in atto piccoli furti e piccole finzioni pietose verso i suoi congiunti acquisiti, la domanda è invece se convenga rinunciare a tutti gli affetti o si possa ancora trovare un precario equilibrio di convivenza affettiva con chi tra breve non distinguerà più la destra dalla sinistra o si dovrà veder sparire da accanto a sé. I tic e i circoli viziosi della demenza senile, le gag della sordità e della defezione dei rilessi, i tentativi di eleudere le diagnosi e rimandare il tracollo. Dramma e comicità nel lungometraggio 2d Arrugas di Paco Roca, premio spagnolo di film animazione internazionale nel 2008, proiettato poche volte in Itali e ieri sera ai Giardini del Frontone a Perugia nell’ambito del Rabbit Festival. Un bellissimo film, un tema difficile trattato in modo delicato, reso più sopportabile dalla leggerezza del disegno 2d in cui drammatico e comico si fondono senza mai cadere nella caricatura. Un occhio discreto osserva la compagnia di anziani che popolanpo la casa di cura vivendo la fase finale della vita in bilico tra il piano dell’ospitalità conviviale e quello della degenza assistita che precede la morte, sospwai tra dignità e smarrimento.
Da youtube la scena della lezione di ginnastica.

Da non perdere.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>