jazz nell’anima

23 0ttobre 2012

Io il jazz ce l’ho nell’anima
ascoltarlo è rispondere ad una consonanza,
cercarlo una fatale necessità,
respirarlo una corsa come mille dita veloci
in lungo e in largo nello spazio pur ristretto
della tastiera del tuo pianoforte.

A Stefano Bollani

3 thoughts on “jazz nell’anima

  1. non vedo niente riguado a santa passera e la cosa mi dispiace enormemente, mi addolora, mi deprime, mi delude e ratrista.
    saòuto tutti i vecchi autori del blog sperando che riprenda tutto il via in modo il più possiblile allegro! persona allegra il ciel l’aiuta!
    ciao a tutti
    stateve bbuono
    robi

  2. ma santa passera è quella che comunemente s’intende !
    se sì non mi resta che pregare e mostrare assoluta devozione e dedizione.
    se no che sia santi…ficata subito !!!!!!!!!!

  3. Io sono cresciuto in un periodo in cui si ascoltava grande musica: quella italiana, ancora sospesa tra i gorgheggiatori anni ’50 e tra le nuove tendenze e i cantautori che stavano sorgendo, il rock, il folk americano che si ascoltava nei film in voga allora. C’erano grandi autori: Beatles, Rolling stones, Lucio Battisti, Ennio Morricone, e un’infinità di altri nomi. Apprezzo, perciò, ogni tipo di musica, purché bella. Tranne il jazz (e il rap), perché non fa parte del mio imprinting musicale. Me ne guardo bene a dire che è brutto (del rap invece lo dico), e qualcosa del jazz, anzi, mi piace, ma non mi mette i brividi, non mi commuove, non mi esalta, non mi appassiona, come invece accade con altri tipi di musica. Ad esempio con la musica andina, una delle mie preferite.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>