Cultura scientifica in Italia: che dolore

la ricchezza materiale e spirituale dei paesi si misura sul loro sapere, sulla loro cultura, e la cultura scientifica è parte integrante, essenziale, spumeggiante, della cultura contemporanea.

(Carlo Rovelli)

Leggete questo articolo apparso su Repubblica. Carlo Rovelli parla dell’incultura scientifica in Italia. La sua accusa è forte e pienamente condivisibile. Siamo notevoli nella formazione umanistica che ha una grande ricaduta anche nella creatività dei ricercatori italiani, ma non promuoviamo l’istruzione  scientifica. Scuola e università da questo lato sono misere.. “Pensare che la scienza moderna è nata in Italia” con Galileo. A essere stigmatizzati sono anche i programmi televisivi del servizio pubblico che incoraggiano il pensiero magico irrazionale. Meglio che non vi faccia perdere tempo, l’articolo, merita veramente. PS: pausa estiva finita, riprendiamo?

Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria da Mariangela Menghini . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su Mariangela Menghini

Insegnante di lettere alla scuola media, guida turistica. Interessi molteplici, esperienze varie (sia professionali che amatoriali): arte, letteratura, cinema, insegnamento lingua italiana e italiano per stranieri, chitarra, viaggi, ospitalità couchsurfing, sociologia delle religioni e partecipazione e fuoriuscitismo da movimenti e comunità cattoliche. Altro... con tendenza a fare più cose alla volta... e a non portarle a termine tutte.

1 pensiero su “Cultura scientifica in Italia: che dolore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.